Congo Brazzaville

This post is also avail­able in: France­se Ingle­se

La Repub­bli­ca del Con­go, nota anche come Con­go-Braz­zav­ille, è uno Sta­to dell'Africa Cen­trale ed un'ex-colonia france­se.

Carte-Congo

Carte-Con­go

La cap­i­tale è Braz­zav­ille ("cit­tà di Braz­za").

Il Con­go con­fi­na a nord con il Camerun e la Repub­bli­ca Cen­trafricana, a est e a sud con la Repub­bli­ca Demo­c­ra­t­i­ca del Con­go (l'ex Zaire), a sud - per un breve trat­to  - con l'enclave angolana di Cabinda, a ovest  con il Gabon ed infine, a sud-ovest, si affac­cia sull'Oceano Atlanti­co.

La lin­gua uffi­ciale è il france­se.

Il Con­go Braz­zav­ille si trova nel cuore dell’Africa; è cos­ti­tu­ito da foresta equa­to­ri­ale, da una ric­ca savana, da grandi fiu­mi ric­chi di pesce: il leggen­dar­io fiume Con­go è il sec­on­do fiume più grande al mon­do dopo il Rio delle Amaz­zoni. Esso sep­a­ra le due cap­i­tali più vicine al mon­do: Braz­zav­ille e Kin­shasa (cap­i­tale del­la con­fi­nan­te Rep. Dem. Di Con­go), cit­tà vis­i­bili l’una all’altra ad occhio nudo, sep­a­rate solo da qualche chilometro d’acqua (tale è la larghez­za del fiume Con­go in alcu­ni pun­ti!) e rag­giun­gi­bili l’una all’altra anche attra­ver­so un panoram­i­co viag­gio con bat­tel­lo o mez­zo acquati­co.

I due Con­go, la Repub­bli­ca Demo­c­ra­t­i­ca e la Repub­bli­ca Popo­lare, cos­ti­tu­iv­ano assieme all’Angola, al Gabon e al nord del­la Namib­ia, l’antico Reg­no Kon­go. Con l’arrivo dei primi Europei e la col­o­niz­zazione, questo Reg­no fu con­quis­ta­to e divi­so fra questi; la Repub­bli­ca Demo­c­ra­t­i­ca del Con­go fu colo­nia Bel­ga, men­tre la Repub­bli­ca Popo­lare del Con­go fu colo­nia france­se. La cap­i­tale di quest’ultima, Braz­zav­ille, pren­de il nome dall’esploratore ital­iano Pier Savorgnan de Braz­za, che lavo­rava per la mari­na francese.Quest’uomo era con­vin­to che gli scam­bi tra Europa e Cen­tro Africa dovessero essere basati sull’umanismo e la fratel­lan­za. Dovet­te lottare con­tro la con­cezione di quel tem­po, che inten­de­va la col­o­niz­zazione sola­mente come schi­av­itù e sac­cheg­gio. Pagò con la pro­pria vita questo suo diver­so approc­cio con le comu­nità Africane, era l’anno 1905.

La foresta del Con­go è la sec­on­da foresta pri­maria più grande del piane­ta, dopo quel­la amaz­zon­i­ca. Affac­cia­to sull’Oceano Atlanti­co, in Con­go si trovano par­a­disi­ache spi­agge di sab­bia bian­ca incor­ni­ci­ate da palme di varie specie. L’abbondanza di pesce di acqua dol­ce (fiu­mi) e salata (l’oceano) cos­ti­tu­is­ce molti dei pre­li­bati piat­ti locali, cuci­nati - sec­on­do la tradizione - con ver­dure e accom­pa­g­nati da com­pa­nati­ci a base di man­io­ca.

E anco­ra, la rigogliosa ter­ra fer­tile del Con­go offre – oltre a ciò che cresce anche in Occi­den­te - arachidi, banane, banane pla­tani, papa­ia, man­go, avo­cado, ananas… il vino di pal­ma!

 

Pointe Noire

Pointe Noire