Brazzà – Ne Vunda Days

 

Nsaku Ne Vunda chi é?   Viene dal Kongo, primo ambasciatore nero in Vaticano 1608.
Pietro Savorgnan Di Brazzà       chi è?   Italiano naturalizzato francese, è l’esploratore che ha dato alla Francia il Gabon, il Congo, la Repubblica Centrafricana, il Ciad.

in Italia da più di 20 anni, dove vivono anche molti africani. Ma queste due comunità vivono ciascuna voltando le spalle all’altra come nel 18° secolo e alla fine nessuno è felice in questo mondo dove l’egoista ha imposto loro confini invisibili. Chi ha cercato di uscire dalla propria categoria sociale per ascesa politica, sportiva o culturale è scivolato sulle bucce di banana.

La conseguenza è che la miseria cresce, mentre l’Africa con le sue materie prime è davvero il continente di domani. Pur promuovendo relazioni amichevoli e umane, nel rispetto reciproco tra italiani e comunità africane, potrebbe essere la leva per uno sviluppo che si evolverebbe naturalmente al ritmo del passo d’uomo. Quando nel 2004 abbiamo organizzato un viaggio in Congo con amici italiani, uno di loro è rimasto sorpreso nel vedere che i congolesi al di fuori delle loro lingue parlano 2 o 5 lingue d’Europa. Fu sorpresa di trovarsi di fronte a un popolo pronto allo scambio, al dialogo, ma incapace di comunicare, non poteva godersi il viaggio.

Non aveva nemmeno una email…

Ho capito che l’istruzione e la stampa italiana non rendono un buon servizio alla popolazione. Ignorare la storia di un continente così vicino e che è la culla della scienza e delle grandi spiritualità; un continente dove abbondano le materie prime come l’Africa, può essere fonte di grandi fallimenti…

Collaborazione

  • la famiglia dell’esploratore Pierre Savorgnan di Brazzà;
  • ambasciata francese;
  • le ambasciate dei paesi dell’era culturale del Kongo
    • Ambasciata angolana,
    • Congo ambasciata,
    • l’ambasciata della Repubblica Democratica del Congo,
    • ambasciata dal Gabon;
    • Il rappresentante della Basilica Santa Maria Majore, dove riposano le spoglie di Manuel Ne Vunda;
    • Rappresentanti delle scuole;
    • Rappresentanti degli università;
    • Comunità della diversità culturale,

che si acconsentirebbero ha collaborato a questo progetto.

– Formazione del team di gestione del progetto.

-Copertura mediatica dell’evento.

– L’istituto scolastico,

– Da qui l’idea di creare Una Giornata di Brazzà – Ne Vunda, l’Etica Nella Cooperazione

  1. Destinatari/beneficiari

Il progetto mira principalmente a:

– giovani italiani e afroitaliani;

– il team di gestione del progetto;

– i comuni, i municipi d’Italia e la diaspora africana;

– specialista del patrimonio e del turismo;

 

  1. Risultati attestati

Salvaguardare l’eredità culturale di Brazza & Ne Vunda come esempio da seguire;

– Limitare i flussi migratori in Italia, e gli sbarchi degli africani a Lampedusa;

-Restaurare a Lampedusa la sua primaria vocazione di città turistica e porto peschereccio;

-Insegnare la storia degli antichi regni e dei paesi africani a combate l’ignoranza, che è l’origine di ogni forma di razzismo e abuso;

-Promuovere la convivenza tra italiani e afro-italiani;

– Sostenire progetti win-win tra italiani e afro-italiani;

– Eliminare la povertà e la violenza indiscriminata in Italia

– Incoraggiare il networking tra i giovani italiani e la diaspora africana;

– Insegnare nel sistema scolastico le varie fasi dell’evoluzione della società umana di tutti i paesi;

– Promuovere la sinergia tra la fascia giovanile italiana e gli Afro italiana è efficace per il turismo di massa e l’emergere di progetti di interesse win-win;

   

Brazzà – Ne Vunda Days per L’Etica Nella Cooperazione

(Conoscere la vita e l’opera di Brazza & Ne Vunda, promotori di questo seme

di Etica nella Cooperazione, sia internazionale che decentrata);

Una cooperazione senza etica non può fermare il flusso migratorio a Lampedusa né la povertà galoppante in Italia.

Sony Labou Tansi ha detto: I progetti di cooperazione internazionale nascono progetti, crescono progetti, invecchiano progetti e muoiono progetti, senza aver avuto il tempo di maturare, di esercitare ciò per cui sono stati creati.

“Da Nsaku Ne Vunda a Pietro Savorgnan di Brazzà: le stesse cause producono gli stessi effetti Umanizzare la Cooperazione per fermare il flusso migratorio e la povertà galoppante. Com’è possibile che le opere ei sacrifici di queste due persone, degne di santità, non abbiano influito sulla società di oggi? Non siamo abbastanza maturi per sapere che è in Africa che possiamo fermare i naufragi di Lampedusa. Promuovere l’ignoranza e fare il gioco dello struzzo per evitare che la gente dica che è nostra ma che fuma l’Africa non aiuta le cose.

Il progetto (Approccio Africa: dalla sua cultura – la sua spiritualità al suo sviluppo responsabile) che propongo è uno specchio di ciascuno di noi di fronte all’altro… E se quella che riteniamo essere la fonte delle nostre disgrazie fosse piuttosto la soluzione? Se l’Africa è la culla dell’umanità, non credevate che migliorando i nostri rapporti con questa madre continente, ognuno di noi vi ritroverebbe il nostro cordone ombelicale perché il mondo possa ritrovare il suo sorriso. Questo sorriso è nascosto nella cultura, nella spiritualità e nel modello di sviluppo responsabile dell’Africa.

Questo progetto risponde alla domanda fondamentale che l’Uomo si pone quando ha terminato le grandi esperienze della vita: “Cosa ho fatto per gli altri? Questa è la domanda fondamentale della vita, dell’essere umano. Questo progetto interroga l’uomo sulla sua presenza sulla terra; parla di ETICA UMANA; ma il fascicolo è così delicato che ho preferito riportarlo alla mia persona, ai miei 20 anni trascorsi in Italia, al mio ambiente circostante, un campo che si estende su 3 continenti.

A 60 anni l’Uomo inizia una discesa più o meno rapida verso il crepuscolo della vita e, come me, si pone la domanda di sapere è questo il mondo che avrei voluto lasciare alle generazioni future? È un mondo sicuro? Cosa ho fatto che non avrei dovuto fare? Qual è il mio livello di responsabilità?

In questo mondo globalizzato, le cose buone fatte dalle persone, come le falsità, si riflettono in tutto il pianeta, motivo per cui durante questo progetto ognuno avrà una parte della propria esperienza da condividere.

INTERESSE

L’interesse generale di questo progetto non è solo raccontare la mia parte di verità sulla storia dell’Africa, ma anche ascoltare gli altri, perché non interrogarsi per fare bene;

SCOPO :

promuove la memoria collettiva africana per facilitare l’integrazione dell’etica nella cooperazione internazionale e nelle relazioni comunitarie.

OBBIETTIVO :

La nostra principale preoccupazione è promuovere un altro modo di guardare all’Africa, che deve partire dalla sua storia, dalla sua cultura, dalla sua spiritualità, e dalle sue aspirazioni uno sviluppo che si radica nella cultura africana;

Lottare contro l’ignoranza di cui xenofobia e razzismo sono la parte sommersa di Iceberg;

Promuovere il turismo sul suolo africano e viceversa;

Cercare punti di convergenza e divergenza tra Africa e Italia.

Promuovere gli scambi tra le comunità africane residenti in Italia e quelle italiane;

Questo progetto che ho presentato come corso presso l’Università UNITRE di Reggio Emilia dovrebbe estendersi anche ad altri ambienti educativi per i più giovani;

Organizzare un festival per promuovere l’immagine, le idee e le logiche di sviluppo dell’Africa;

Organizzare un concorso-festa sulla conoscenza del continente africano e della sua diaspora;

Promuovere la vita e le opere di Manuel Nsaku Ne Vunda (1° Ambasciatore Nero in Vaticano; e di Pietro Savorgnan Di Brazzà (da cui Brazzaville, capitale della Repubblica del Congo, unica capitale africana che porta il nome di un italiano), ma che italiani ignorono ;

La nostra base di lavoro sarà la conoscenza dell’Africa:

– della sua cultura,

– i grandi momenti della sua storia

– la sua spiritualità

– il suo sviluppo responsabile)

Ci sono molte cose che legano l’Italia al mio Paese, il Congo. Un principe Kongo fu sepolto nella Basilica di Santa Maria Maggiore nel 1608. Cosa ci faceva in Vaticano? Si dice che fosse altamente istruito e parlasse portoghese, spagnolo, inglese, tedesco, olandese e lingue africane. Fu il primo ambasciatore nero in Vaticano…

Promotore: Masengo ma Mbongolo

Nato in Congo, è uno dei pochi specialisti in Relazioni Culturali Internazionali Nord-Sud per lo Sviluppo che cerca di trasformare i suoi sogni in realtà.

Laureato in Scienze Politiche e Sociali, opzione Relazioni Internazionali, Masengo ma Mbongolo è anche attore, regista, drammaturgo, ricercatore, documentarista, Direttore Artistico del Festival Tricontinentale MALAKI MA KONGO per la promozione delle Radici Culturali Africane e dello sviluppo. Responsabile del Pellegrinaggio al Cuore dell’Africa per la riconciliazione degli africani nell’est e nell’ovest dell’Atlantico. È anche promotore di azioni di solidarietà internazionale con il Congo e Haiti. La sua associazione MALAKI MA KONGO ha sede in Africa, Europa e America.

L’obiettivo di Malaki ma Kongo è promuovere le radici culturali africane al fine di sostenere uno sviluppo responsabile nel sud del mondo. E lo slogan di Malaki ma Kongo è dire ai nipoti dei nostri nipoti ciò che i genitori dei nostri genitori hanno vissuto.

Qui, la nostra base di ricerca è conoscere l’altro per semplificare la vita.

20 anni di vita in Italia mi hanno insegnato che l’uomo è lo stesso ovunque. Soffre perché i meccanismi di contatto sono stati manomessi. L’egoismo e l’avidità hanno avuto la precedenza sull’umanesimo e sulla complementarità.

Questi incontri saranno uno dei momenti di scambio, di arricchimento di conoscenze… un vero incontro di dare e, che chiamiamo anche INTER CULTURALITÀ. Nessuno ha il monopolio della conoscenza; dall’interrogatorio delle persone, dalla convergenza della nostra ignoranza collettiva nascerà la verità universale. Una verità che i coloni non hanno potuto scrivere a rischio di segare il ramo dell’albero su cui sono seduti. È normale, ma queste false verità sono burro che, esposto al sole del giorno, si scioglie. Il mondo non può andare avanti sulla base delle falsità… siamo tutti adulti; usciamo slab televisioni nazionali per cercare la verità via Internet, ma anche il tatto, il gusto e gli avvistamenti dei nostri occhi.

Vi dirò la mia parte di verità dal mio primo viaggio in Europa (Italia) per partecipare al primo festival internazionale di teatri africani in Italia, nel 1987 organizzato dal Teatro dell’Erba di Torino… E tutti i viaggi che ho ho organizzato nell ‘ambito del mio Festival Malaki ma Kongo in Africa, Europa e America…

Ho toccato il fuoco della verità con le mie mani. Ho attraversato l’Oceano Atlantico più di 30 volte, uno dei cui risultati è il mio libro intitolato: “Sulle orme del Kongo nelle Americhe: Haiti”. Mi ci sono voluti 26 anni di ricerca tra Congo, Angola, Benin, Ghana, Vaticano, Francia, Haiti e Cuba… per citare solo i principali paesi. Ad esempio, sono andato ad Haiti più di 10 volte, così che nel 2014, mi è stata rivelata una verità fondamentale sul ruolo dei Kongo nella guerra di indipendenza di Haiti e le sue conseguenze….

20 anni di vita in Italia mi hanno insegnato che l’uomo è lo stesso ovunque. Soffre perché i meccanismi di contatto sono stati manomessi. L’egoismo e l’avidità hanno avuto la precedenza sull’umanesimo e sulla complementarità.

Questi incontri saranno uno dei momenti di scambio, di arricchimento di conoscenze… un vero incontro di dare e ricevere, che chiamiamo anche INTER CULTURALITÀ. Nessuno ha il monopolio della conoscenza; dall’interrogatorio delle persone, dalla convergenza della nostra ignoranza collettiva nascerà la verità universale. Una verità che i coloni non hanno potuto scrivere a rischio di segare il ramo dell’albero su cui sono seduti. È normale, ma queste false verità sono burro che, esposto al sole del giorno, si scioglie. Il mondo non può andare avanti sulla base delle falsità… siamo tutti adulti; usciamo dalle televisioni nazionali per cercare la verità via Internet, e il tatto, il gusto e gli avvistamenti dei nostri occhi.

Vi dirò la mia parte di verità dal mio primo viaggio in Europa (Italia) per partecipare al primo festival internazionale di teatri africani in Italia, nel 1987 organizzato dal Teatro dell’Erba di Torino… E tutti i viaggi che ho ho organizzato nell’ambito del mio Festival Malaki ma Kongo in Africa, Europa e America…

Ho toccato il fuoco della verità con le mie mani. Ho attraversato l’Oceano Atlantico più di 30 volte, uno dei cui risultati è il mio libro intitolato: “Sulle orme del Kongo nelle Americhe: Haiti”. Mi ci sono voluti 26 anni di ricerca tra Congo, Angola, Benin, Ghana, Vaticano, Francia, Haiti e Cuba… per citare solo i principali paesi. Ad esempio, sono andato ad Haiti più di 10 volte, così che finalmente nel 2014 mi è stata rivelata una verità fondamentale sul ruolo del Kongo nella guerra di indipendenza di Haiti e le sue conseguenze….

Metodologia e attività previste

Verrà istituito un team direttivo del progetto con squadre a livello regionale con rappresentanti di partner come :

• la famiglia dell’esploratore Pierre Savorgnan di Brazzà ;

• l’ambasciata de francia ;

• le ambasciate i paesi in cui si estende la Terra del Kongo

o l’ambasciata de Angola,

o l’ambasciata de Congo,

o l’ambasciata de RDCongo,

o l’ambasciata de Gabon ;

• • Il Le représentant (Basilique Santa Maria Majore où reposent les restes de Manuel Ne Vunda) per il Vaticano;

• Rappresentanti di scuole;

• Rappresentanti delle università ;

• Comunità di diversità culturale,

che acconsentirebbero a collaborare a questo progetto.

– Ideazione e finalizzazione del progetto;

– Sensibilizzazione dei partner;

– Da Manuel Ne Vunda a Pietro Savorgnan Di Brazzà: la cooperazione senza etica non può fermare il flusso migratorio a Lampedusa né la povertà galoppante in Italia;

– Expo: Da Nsaku Ne Vunda a Pietro Savorgnan di Brazzà: la Cooperazione Umanizzante per fermare il flusso migratorio e la povertà galoppante;

– L’ignoranza uccide: il contributo dell’Africa Nera all’evoluzione del mondo;

– Concorso: Da Nsaku Ne Vunda a Pietro Savorgnan di Brazzà: la cooperazione senza etica non può fermare il flusso migratorio a Lampedusa né la povertà galoppante in Italia;

– Istituzione di una struttura di monitoraggio e controllo per l’esecuzione del progetto. Controllo e follow-up a medio termine ed al suo termine, la sua operatività su tutti i segmenti: gestione degli incassi, gestione finanziaria. Ciò comporta la costituzione di un Consiglio di Amministrazione-CA la scelta di una società di consulenza per il monitoraggio, il controllo e il supporto;

– Missioni a donatori per la mobilitazione di fondi/risorse finanziarie. Si tratta di organizzare campagne di raccolta fondi, verrebbe reclutato uno specialista di raccolta fondi;

Programma:

– Origine della parola Africa, la storia generale dell’Africa Nera dal -3000 al +1900;

Esempio :

– Storia del popolo Kongo dall’antico Egitto alle attuali terre di insediamento e/o immigrazione imposta;

– Il mio libro ne parla a lungo: “Sulle orme Kongo nelle Americhe: Haiti” scritto dopo 26 anni di ricerca e 15 viaggi ai Caraibi.

– Spiritualità;

– Etica e sviluppo

– Caso pratico:

– Banca Etica Africana

– La vita e l’opera di Manuel Ne Vunda e quele di Pierre Savorgnan di Brazza, che hanno pagato con la vita la loro propense all’etica nella cooperazione nazionale o cooperazione decentrata.

– Progettazione di un Piano Strategico-PS;

– Organizzazione, ogni anno, di un evento che ripercorre la vita e l’opera di Pierre Savorgnan di Brazzà e Ne Vunda.

Questo evento, che si svolgerà intorno al periodo del 6 gennaio (data del sacrificio di Ne Vunda o altra data), avrà ogni anno un cachet speciale con temi specifici quali: pratiche religiose, canti e balli, gastronomia, danza, poteri reali di periodi ancestrali, ecc. Un’attività di punta (mostra, concerto, spettacolo di narrazione o teatro, serata gastronomica, ecc.) sarà ogni volta svolta e aperta da una conferenza inaugurale guidata da un accademico, un artista o una personalità di spicco dell’Africa o della diaspora. L’idea principale è quella di creare un’offerta interessante durante questo periodo per mobilitare un gran numero di persone.

– Promozione di pubblicazioni e ricerche sulla vita e l’opera di Pierre Savorgnan di Brazzà e Ne Vunda e promozione di azioni di riconciliazione e riunificazione dell’Africa e della sua diaspora.

– Concorso: Da Nsaku Ne Vunda a Pietro Savorgnan di Brazzà: Cooperazione ed Etica per fermare il flusso migratorio e la povertà galoppante;

– In una prima fase si tratta di valorizzare il lavoro già svolto in precedenza sull’argomento lanciando bandi ed elencando il suddetto lavoro da Nsaku Ne Vunda a Pietro Savorgnan di Brazzà: tema Etica & Cooperazione;

Questi saranno poi utilizzati per arredare le varie conferenze che si terranno durante gli eventi annuali e che cercheranno di evidenziare gli innegabili legami che permangono tra i popoli africani sulle due sponde dell’Atlantico.

Una rivista appropriata sarà una pubblica tematica trimestrale potrebbe essere presa in considerazione.

– Formazione del team di gestione del progetto. Questa attività riguarda in particolare un ristretto numero di autorità di vigilanza: il Direttore Artistico, il Direttore Amministrativo, il Direttore Finanziario, tre membri.

Copertura mediatica dell’evento.

Tutte le attività di questo progetto beneficeranno di una forte copertura mediatica, dalla cerimonia di lancio del progetto allo sviluppo dell’evento cardine. I diversi tipi di media noti nel continente e oltre saranno associati ad esso per trasmettere bene le informazioni.

– Il progetto Brazza-Ne Vunda Cooperation & Ethics, oltre agli obiettivi ad esso assegnati, è l’innesco di grandi azioni nell’Universo Ethics & Cooperation e il ruolo principale che deve ora svolgere nello sviluppo adattato alla conoscenza dell’Africa e come affrontare le relazioni con esso all’inizio del XXI secolo.

– A questo evento saranno invitati giornalisti, professionisti, storici-ricercatori, Star, economisti, banchieri… di prestigio, personalità influenti del settore per creare una rete solida ed efficace attorno al progetto che lo accompagni nella raccolta di fondi per la queste attività in modo continuo e responsabile.

– Le istituzioni educative, le università e tutti gli altri luoghi del sapere e comunità simili, devono assumersi questa responsabilità del “Dovere della memoria”, creando opportunità capaci di soddisfare le aspettative dei giovani italiani e della diaspora africana.

– Da qui l’idea di creare Una Giornata di Brazzà – Ne Vunda, l’Etica Nella Cooperazione destinata a far conoscere la vita e l’opera di Brazza & Ne Vunda, promotori di questo seme di Etica nella Cooperazione, sia internazionale che decentrata;

– Saranno organizzate missioni in alcune regioni per presentare e cercare la sponsorizzazione per il suddetto progetto o varie attività.

4. Destinatari/beneficiari

Il progetto mira principalmente a:

– giovani italiani e Afro-italiani;

– il team di gestione del progetto;

– i comuni, i municipi d’Italia e la diaspora africana;

– specialisti del patrimonio e del turismo;

5. Risultati attesi

Salvaguardare il patrimonio culturale di Brazza & Ne Vunda come esempio da seguire;

– Limitare i flussi migratori in Italia, e gli sbarchi degli africani a Lampedusa;

-Restituire a Lampedusa la sua primaria vocazione di città turistica e porto peschereccio;

-Insegnare la storia degli antichi regni e dei paesi africani a combattere l’ignoranza, che è l’origine di ogni forma di razzismo e abuso;

-Promuovere la convivenza tra italiani e afro-italiani;

– Sostenire progetti win-win tra italiani e afro-italiani;

– Eliminer la pauvreté et la violence aveugle en Italie

– Incoraggiare il networking tra i giovani italiani e la diaspora africana;

– Insegnare nel sistema scolastico le varie fasi dell’evoluzione della società umana di tutti i paesi;

– Promuovere la sinergia tra la fascia giovanile italiana e gli Afro italiana è efficace per il turismo di massa e l’emergere di progetti di interesse win-win;

 

Masengo ma Mbongolo et le Directeur de l’Ecole de Bois Caiman sur la route de La Citadelle Laferrière

 

Contatti:

Masengo ma Mbongolo Prince de N’Sundi

This entry was posted in Nouvelles. Bookmark the permalink.