Presentazione

This post is also avail­able in: France­se Ingle­se

Rinascita della cultura dell'Africa vera

Malaki ma Kongo

Malaki ma Kon­go

L'asso­ci­azione cul­tur­ale Malaki ma Kon­go nasce come con­tin­u­azione e svilup­po del fes­ti­val Malaki ma Kon­go, nato a Braz­zav­ille nel 1991, che pro­muove le radi­ci del­la cul­tura dell'Africa nera in gen­erale e del cen­tro Africa in par­ti­co­lare.

Sebbene si ispiri alla cul­tura Kon­go, che vuole fare conoscere ed apprez­zare, il fes­ti­val é aper­to alle cul­ture del mon­do… Il pri­mo e l’ultimo spet­ta­colo si svol­go­no sem­pre all’aperto, attorno ad un grande fuo­co. Malaki Ma Kon­go é un fes­ti­val “pret à porter”, capace di muover­si non solo da un pae­se ad un altro, ma recen­te­mente anche da un con­ti­nen­te all’altro.

Malaki ha giá conosci­u­to la parte­ci­pazione di artis­ti e di uomini di cul­tura dei due Con­go, dell’Angola, del Camerun, del­la Zam­bia, del­la Fran­cia, del Ghana, del­la Guadalu­pa, del Sud Africa, dell’Italia e del­la Rep. Domini­cana e altri Pae­si. Malaki é col­le­ga­to al fes­ti­val “CARE” (Car­refour des Arts Religieux et Edu­cat­ifs) del­la Rep. Dem. Con­go, al “Grap a Kon­go” del­la Guadalu­pa, all’ “ARCA” del Camerun, a "Los Con­gos de Vil­la Mel­la" di San­to Domin­go.
La tela di fon­do di Malaki ma Kon­go é la Rinasc­i­ta del­la cul­tura dell’Africa vera che si esprime in questi ter­mini:

  • la ricer­ca delle orig­ini dell’identitá cul­tur­ale degli africani e del­la dias­po­ra
  • il riv­e­lare i diver­si mali che minano l’Africa
  • riflet­tere sug­li approc­ci delle soluzioni