Progetti

This post is also available in: Francese Inglese

“La cultura é alla base dello sviluppo” dice un adagio.

MALAKI-DEVELOPMENT: la cultura al servizio dello Sviluppo.

Forti di questa asserzione e segnati dalla miseria derivante dal susseguirsi delle crisi socio-politico-militari di questi ultimi tempi, Malaki ma Kongo ha deciso di associare le attività culturali alle attività economiche attraverso il microcredito.

Tutto questo per presentare agli africani del terzo millennio uno schema di sviluppo utile e duraturo. Detto schema terrà da conto della dimensione culturale in tutto il progetto di sviluppo. Da qui la creazione dal 17 gennaio 1999 di Malaki Development (development = sviluppo), che si fissa come obiettivo: Ridonare all’uomo Nero il prestigio, le capacità economiche e organizzative dell’era faraonica, che favoriranno ed accentueranno la rinascita effettiva dell’Africa e dei Faraoni.

MALAKI-DEVELOPMENT  è un dipartimento dell’associazione culturale Malaki ma Kongo che si occupa della ricerca di un modo di sviluppo duraturo, appropriato al Congo e all’Africa in generale, in questi tempi di turbolenze politico-militari. Uno sviluppo auto-sostenibile e auto-centrato sull’Uomo, che tenga conto del rispetto dell’ambiente, dei diritti dell’uomo e della dimensione culturale all’interno di tutto il progetto di sviluppo.

L’obiettivo della sua esistenza è la ricerca di mezzi economici per far rinascere la fiducia e la speranza nella vita negli ambienti rurali e assicurare la sopravvivenza delle tradizioni ancestrali nei loro luoghi naturali: i nostri villaggi.

Questa logica è un voltafaccia a tutti i progetti di sviluppo conosciuti dai cosiddetti specialisti dello sviluppo per l’Africa; progetti che si riassumono nella trasformazione degli antichi allevatori e agricoltori in eterni consumatori specializzati di cibo in scatola, se non di prodotti surgelati.

Così, essendo la cultura alla base dello sviluppo, gli artisti e Uomini di cultura di Malaki ma Kongo vogliono migliorare la vita in Congo attraverso questo progetto.

ATTIVITÁ

  • Ristorazione – cucina africana fra i frutteti del LAAC
  • Atelier di cultura africana
  • Lavori agricoli (orto e gemellaggio con gli studenti di teatro al Liceo Agricolo Amilcare Cabral) e spazio sperimentale di formazione agricola (centro Malaki – Aarit)
  • DIDACTICIEL Centro di Divulgazione dei mezzi informatici in ambiente giovanile
  • Biblioteca radici cultura africana e speciale Kongo
  • Laboratorio di formazione al cucito
  • Laboratorio di formazione all’acconciatura

INTERESSI

  1. Far conoscere i valori culturali africani per combattere l’ignoranza, l’estraversione, l’alienazione mentale, la negazione dell’Africa nel sistema internazionale
  2. Permettere agli africani di scoprire la loro vera storia e facilitare la diaspora ad un ritorno al luogo di origine, degno e a minor costo
  3. Promuovere nel cuore dell’Africa, culla dell’umanità, un turismo etico portatore di motti sani nel rispetto dell’anima Nera, dell’amore e della fratellanza fra gli uomini
  4. Prevenire la delinquenza :
    in Africa, attraverso la creazione di strutture educative appropriate e di piccole e medie imprese appropriate
    in Europa : attraverso la creazione di cellule d’iniziazione ai valori culturali africani
  5. Incoraggiare uno sviluppo autocentrato sull’uomo, radicato nella sua cultura ancestrale
  6. Favorire gli scambi artistici fra gli artisti, gli uomini di cultura dell’Africa, della diaspora e del mondo
  7. Promuovere l’arte e l’azione culturale nei paesi nordici al fine di favorire le azioni umanitarie in favore del Continente Nero
  8. Promuovere l’interculturalità per favorire l’integrazione degli africani nei paesi di adozione
  9. Aprire il mercato africano al mondo esterno e alla sua diaspora nella forma di un commercio etico a fini utili e duraturi

DIFFICOLTÁ

Il clima d’insicurezza che domina la regione inferiore dell’Africa centrale non ha risparmiato Malaki:

  • Il centro culturale Mbongui Malaki Ma Kongo fu saccheggiato
  • La biblioteca incendiata
  • Il materiale informatico saccheggiato
  • Il materiale artistico (costumi, album di foto, nastroteca, videoteca, strumenti musicali) bruciato
  • L’attività agro-pastorale derubata (orto, pollame)